fbpx
EMDR

La terapia EMDR è di grande utilità nel trattamento di disturbi causati da eventi stressanti o traumatici, ma è molto efficace anche nella cura delle più frequenti problematiche psicologiche quali depressione, ansia, attacchi di panico, anoressia, bulimia, obesità, fobie, eiaculazione precoce, disfunzione erettile psicogena, dipendenze (da sostanze, alcool, gioco d’azzardo, sessualità compulsiva, shopping compulsivo, internet).

L’EMDR è un metodo la cui validità è ampiamente provata a livello scientifico. Questa tecnica sfrutta i movimenti oculari alternati per ristabilire l’equilibrio eccitatorio/inibitorio permettendo una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali. In altri termini l’EMDR induce, attraverso i movimenti oculari che attivano una stimolazione bilaterale alternata degli emisferi cerebrali, una rielaborazione adattiva delle informazioni immagazzinate in memoria in modo disfunzionale trasformandole, su base fisiologica, in informazioni immagazzinate in modo funzionale ed adattivo. Questa modificazione dei contenuti di memoria – praticamente – fa sì che le esperienze passate negative non influenzino più la vita attuale della persona. In questo modo vengono risolti sintomi legati ad esperienze passate particolarmente negative; sintomi che lo stesso paziente, a volte, non ricollegava nemmeno a tali esperienze.

Le esperienze fortemente negative possono essere veri e propri traumi (violenze, abusi, esposizione ad eventi traumatici come terremoti, alluvioni, incidenti, ecc) o anche i cosiddetti traumi relazionali: trascuratezza costante da parte dei genitori nell’infanzia, rapporti eccessivamente freddi con i genitori che hanno implicato senso di non amabilità, violenza domestica, bullismo, mobbing. Tali esperienze, infatti, possono implicare nella vita attuale del paziente sintomi d’ansia, depressione, blocchi, attacchi di panico, sintomi sessuologici e altro ancora.

Durante le sedute di EMDR il paziente si trova in stato di veglia ed è richiesta una sua collaborazione attiva con il terapeuta.